18mq

IO, ME E L’ALTRO

Eccomi qui seduto alla scrivania che faccio il cruciverba della copertina de La Settimana Enigmistica. Non ve l’ho mai detto ma uno dei miei sogni è di essere la risposta ad una domanda de La Settimana Enigmistica. Magari di un Bartezzaghi. Ovviamente una orizzontale, ho sempre considerato le domande verticali di serie B. Una bella domanda del tipo “24 orizzontale: E’ il più famoso dopo Magno”. Forse un po’ troppo. Allora un “12 orizzontale: Scrisse la teoria del bicchiere” oppure “18 orizzontale: Cambiò il mondo”. Ok, andiamo sulla terza. Sicuro non sarà sul numero di settimana prossima ma prima o poi… voi lasciatemi lavorare. Allora 17 orizzontale: Saldi, ben piantati – 6 lettere… SOLIDI!
AleInconscio: “Ciao! Mi permetti un attimo… Scusa parlo con te che stai scrivendo nelle caselline!”
AleConscio: “Chi ha parlato?”
Mi guardo in giro ma la stanza è vuota, la radio e i Pc sono spenti. Cavolo ho le allucinazioni da onda lunga della ciclosporina.
AleInconscio: “Sono io, l’AleInconscio. Sono quella parte di Alessandro che normalmente sta zitta e non si vede e si sente.”
AleConscio: “Ahhh, ma scusa la domanda banale ma … cosa vuoi? Sono 38 anni che mi sento Alessandro e adesso salti fuori tu.”
AleInconscio: “Io ci sono sempre stato, ho sempre partecipato a tutte le attività di Alessandro ma su un livello diverso dal tuo.”
AleConscio: “Spiegati che non ho capito”
AleInconscio: “Tu sei quella parte di Alessandro cosciente, quella che interagisce con il mondo esterno. Diciamo che tu sei l’Alessandro al fronte che rivolge la sua attenzione verso il fuori. Io invece sono quella parte di Alessandro che sta dentro. Io gestisco tutto da dietro le quinte. Sono io che raccolgo i dati dai cinque sensi li elaboro e te li passo. Io sono anche la parte istintiva quella che entra in gioco nei momenti di massima allerta e dove non c’è tempo per riflettere e pensare. Io sono la parte che gestisce le funzioni corporee e che si occupale della nostra salute.”
AleConscio: “Fammi capire, praticamente fai tutto tu. Io sono 38 anni che mi faccio un culo quadrato perchè Alessandro stia bene, non si faccia male, si diverta, risolva i problemi del lavoro e tutti gli altri casini e adesso salti fuori tu che mi dici che comunque io ero comandato da te. Saperlo prima mi facevo un po’ meno il culo”.
AleInconscio: “Non è proprio cosi, io e te siamo due entità della stessa cosa. Nessuno dei due potrebbe esistere senza l’altro. Non ti offendere ma potremmo dire che io sono il cervello e tu il braccio. Entrambi importanti allo stesso modo. Alessandro è la somma di noi due e non solo”
AleConscio: “Come e non solo? Fino a dieci minuti fa pensavo di essere io Alessandro, poi scopro che ci sei anche tu e adesso mi dici che c’e’ dell’altro. Spiega perchè capisco sempre meno”.
AleInconscio: “Non ti preoccupare, per te è una cosa nuova ma capirai. Visto che su chi sei tu e chi sono io ci siamo chiariti posso a questo punto presentarti AleEnergia”
AleConscio: “No, non ci posso credere. C’è anche un AleEnergia, un AleDuracel!!! Cos’è un orsetto o un coniglietto?”
AleInconscio: “Lascio che sia lui a spiegarti”
AleEnergia: “Ciao, AleConscio è un piacere poter finalmente parlare con te. E’ da sempre che interagiamo ma non c’è stata mai l’occasione per conoscerci.”
AleConscio: “Come è da sempre che interagiamo, non dirmi che anche tu come l’altro hai sempre fatto tutto per me e altre cavolate del genere?”
AleEnergia: “Sinceramente ho sempre fatto tutto per Alessandro. Però essendo tu parte di Alessandro, possiamo dire che ho fatto tante cose anche per te.”
AleConscio: “Ok, mi rassegno. Ma tu chi sei?”
AleEnergia: “Non è cosi facile spiegarlo, devo prenderla un po’ alla larga. Tu sai che Alessandro ha un corpo, che è fatto di cellule. Le cellule sono fatte di molecole, le molecole di atomi. L’atomo è formato dai protoni, elettroni e neutroni e adesso grazie all’acceleratore di particelle del CERN l’umanità sta per scoprire l’elemento base. Alcuni lo hanno già chiamato “i mattoni di Dio”. Tutte le cose dell’universo sono fatte di questo elemento base, che unendosi e aggregandosi in miliardi di modi crea tutta la materia e anche l’anti-materia. Come i buchi neri. Tutto, e quando dico tutto intendo proprio tutto è fatto di questo elemento base. Fin qui ci sei?”
AleConscio: “Più o meno. Comunque tutto è composto dalla stessa materia che aggregandosi in modo diverso crea le diverse forme”
AleEnergia: “Ok, anche se non è materia come la si intende normalmente, è energia base. Adesso concentrati perchè sto per dirti una cosa fondamentale per capire. Ci sei?”
AleConscio: “Spara”
AleEnergia: “L’insieme di tutta l’energia base che compone l’universo ha una sua propria identità e volontà. Ha uno spirito che guida tutta la creazione. Uno spirito che armonizza l’insieme di tutta l’energia base.”
AleConscio: “Ci sono. Tutta l’energia base messa insieme ha una specie di cervello che lavoro per armonizzarsi. L’universo è composto dall’energia base e quindi l’universo visto come elemento unico ha un cervello per la sua armonizzazione.”
AleEnergia: “Ottimo. Spiegazione un po’ grezza ma va bene. Ok, adesso chi sono io. Io sono quella parte dell’entità formata da tutta l’energia base che forma Alessandro. Sono il pezzettino di energia base di Alessandro. Ma non solo l’energia base ma l’energia base compresa della sua identità e volontà. Come hai detto tu prima sono quella parte dell’universo che compone Alessandro compresa del cervello per armonizzare il tutto.”
AleConscio: “E detto in soldoni, ma a che cosa servi?”
AleEnergia: “Io sono il tramite fra Alessandro è tutto il resto. Io permetto ad Alessandro di essere in contatto con tutta l’altra energia di base e viceversa. Io armonizzo Alessandro con dell’universo. Io faccio si che Alessandro non sia un individuo a se stante ma una parte del tutto.”
AleInconscio: “Scusate se mi intrometto ma vorrei sintetizzare i nostri ruoli per AleConscio per rendergli la cosa più comprensibile. Allora AleConscio interagisce con il mondo, è la parte visibile dall’esterno. Attraverso il pensiero razionalizza gli eventi e agisce concretamente in risposta. Io, AleInconscio, interagisco con il corpo e la mente di Alessandro. Assimilo ed elaboro le nuove esperienze e fornisco ad AleConscio tutta una serie di informazioni che gli sono necessarie per l’azione nel mondo. Mi occupo anche della gestione delle funzioni corporee di Alessandro. AleEnergia è la parte dell’universo che forma Alessandro. E’ la connessione di Alessandro da e per l’universo.”
AleConscio: “E adesso che so che siamo in tre? Non dovrei sentirmi più solo?”
AleEnergia: “Anche quello ma soprattutto dovresti prendere consapevolezza che gli strumenti che hai a disposizione per vivere nel mondo sono molti di più e più potenti di quelli che stai usando fino ad ora. Riuscire a dialogare con AleInconscio ti permetterà di avere un rapporto diretto con la parte interiore di Alessandro. Attraverso di me potrai connetterti direttamente con tutto il mondo fuori da Alessandro. Quando camminerai in un bosco, non starai più solo camminando fra degli alberi ma potrai sentirti parte di quegli alberi come loro si sentiranno parte di te.”
AleConscio: “Ma tutto il mio discorso sulle energie, sull’essere felice e sul vivere adesso? Tutte cavolate?”
AleEnergia: “Tutt’altro, grazie al fatto che ti sei sempre spinto a cercare di capire, che non ti sei mai accontentato sei arrivato a poter parlare con noi. Le tue teorie sono giuste contestualizzate nella tua visione attuale della realtà. Ma adesso inizierai un nuovo percorso di crescita che ti permetterà di aprirti a nuovi orizzonti e quindi ad evolverti.”
AleConscio: “Mi sembra però un po’ una cosa fuori di testa”
AleEnergia: “Anche 100 anni fa, la realtà che viviamo adesso sarebbe sembrata fuori di testa e frutto della magia”
AleConscio: “Ultima domanda. Ma il fatto della Leucemia di Alessandro?”
AleEnergia: “Grazie a questa malattia Alessandro ha avuto molto tempo per riflettere, e noi ci stiamo parlando anche per questo. Ognuno di noi tre ha conosciuto degli aspetti del proprio essere che prima ignorava. Il fermarsi ci ha permesso di prendere il nostro tempo per evolverci”
AleConscio: “Ok, visto che voi sapete tutto… 31 verticale – Lo è l’Orfeo di Camus – 5 lettere”
Si, sapevano molto ma non proprio tutto…

7 commenti su “IO, ME E L’ALTRO

  1. a una mente contorta come la tua non poteva che risponderti una testa ancora piu seriamente malata e folle come la mia ..

    25 orizzontale … inizia con M finisce con i … 12 lettere , si chiamavano Athos, Porthos e Aramis

    erano in 3 come ale inconscio ale conscio e ale energia

    7 verticale … 9 lettere ..inizia con D finisce con N

    militare francese morto a Maastricht il 25 giugno 1673

    altro aiutino ..

    fu un grande uomo di guerra, coraggiosissimo, forte e buono d' animo, di grande immenso cuore e pervaso dal senso dell'onore, da una forte passione per il servizio, da una viva attenzione alla politica e da una grande umanità.

    non puoi non sapere il suo nome …anche perche Athos, Porthos e Aramis, i tuoi 3 “ale”, aiutarono questo militare che ti rappresenta, perche' l unione di quei 3 danno te ..

    tutti e 4, insieme, e uniti raggiunsero quello che si erano prefissati …la collana di diamanti, dopo tante infinite battaglie tutte vinte

    vedi di indovinare sono le ultime 2 caselle .. poi hai finito

    difficile vero ?? ..e contorto ..

    Mi piace

  2. Anonimo

    Silconscia: “Se tu avessi studiato filosofia alle superiori avresti già incontrato qualcuno che quasi tremila anni fa ha fatto il tuo stesso ragionamento, Platone con l'EGO, l'IO e il SUPER IO. Pensa che lui ci è arrivato per intuizione senza avere a disposizione tutti gli strumenti di verifica che abbiamo oggi”
    Silinconscia: “Ebbravo il mio fratellino che si sta evolvendo. Quanto sono felice che stia cominciando a capire…”
    Silenergia: “Benvenuto! Anzi bentornato all'Uno. Ti stavamo aspettando…”

    Comunque finirà con un 11 orizzontale (ma solo perchè ALESSANDRO + INVERNIZZI fa 20 e nelle verticali non ci starebbe…io invece ho una predilezione per le verticali…mi danno un senso di nobiltà, di superiorità…un po' come la y e la x): il fratello bello del più famoso architetto teorico del XXI secolo.

    TVB, Sil

    Mi piace

  3. Alessandro

    Cara la mia sorellina (tono polemico), se tu avessi studiato meglio filosofia alle superiori sapresti che sia Platone sia Freud dividevano l'essere in tre parti e come loro tantissimi altri filosofi e pensatori della storia. Comunque fu Freud a fare la classificazione in: id, ego e super-ego. Platone parlava di: Apetito, Spiriti Alti e Ragione. E nessuno dei due include nella loro classifica la parte dedicata alla connessione all'universo. Quelle che ho scritto non sono miei idee, sono il sunto di spunti che ho raccolto qua e la nella mia vita. Il far parlare i miei tre io era solo un modo per rendere più reale e concreta un'idea molto astratta. Tutti sappiamo di avere un conscio e un inconscio ma quanti lo razionalizzano nella vita quotidiana?

    Un bacio

    Alessandro

    Mi piace

  4. Io rimango sul mio cartone animato e un po di storia francese di quegli anni ….. e' questo il mio massimo di cultura …voi continuate pure in discussioni filosofiche quindi mi levo, non posso competere …
    PS
    ale contempla le montagne li fuori .. e' piu facile per tutti ..
    baci

    Mi piace

  5. Anonimo

    Ciao Ale,
    io mi limito a darti la soluzione :
    31 verticale – Lo è l'Orfeo di Camus – 5 lettere
    = negro (non no non è razzismo! …. da google Un gruppo di Baccanti ubriache, poi, lo invita partecipare ad un'orgia … Il mito di Orfeo nasce forse come mito di fertilità, come è possibile …. Orfeo negro (Orfeu Negro, 1959), di Marcel Camus; dal dramma di Vinicius de Moraes). Mica sono un genio, solo me lo sono ritrovata tra le parole crociate ieri sera 🙂
    Bisou

    Mi piace

  6. Anonimo

    Lacrime…. Sorridere ……Conscio ….Inconscio….Energia…..

    Dai che ci provo anch’io a dar un po’ fuori di …

    anche a me piacciono le verticali, mettono in connessione nell’unità di tempo

    Spirito
    |
    psiche
    |
    mente
    |
    Corpo

    Lacrime…. Adesso ….. Sorridere ……Conscio ….Inconscio….Energia…..Orfeo……

    Lo Spirito Guida mi immette nell’infinito cruciverba un 10 verticale:
    Comincia per S………finisce per A’
    “coincidenze significative, quelle che mettono in connessione ad esempio AleConscio con AleEnergia, SilConscia con SilEnergia, MaxConscio con MaxEnergia, e, significativamente, AleEnergia con SilEnergia e MaxEnergia … e via così….”

    Ma certo: SINCRONICITA’

    Vediamo la O di SINCRONICITA’
    16 orizzontale : “Cantore dell’antichità, protagonista di un mito”
    Dove l’ho letto ?
    ma sì …Orfeo
    La storia di Orfeo, sì certo … il mito di Orfeo ha colpito la fantasia di MaxEnergia, appassionato di musica.

    OrfeoConscio sorride sempre, la sua vita è un sorriso. Ogni giorno.
    Come fa? Attinge con la musica da OrfeoEnergia.Tutti i giorni sono segnati dall’entusiasmo vitale di OrfeoEnergia
    Ma un giorno ha una grande perdita, chiamala sfortuna fatalità o come vuoi, non importa.
    OrfeoConscio piange. Piange ma non fino in fondo, non riesce ad accettare la perdita.
    Non ha ancora imparato che, di fronte a qualsiasi crudele scherzo del destino, la cosa migliore è continuare a vivere l’adesso, pienamente ed entusiasticamente. Non legare la propria felicità a realtà fisse, perché di fisso nella vita non c’è nulla. Legare la propria felicità all’adesso, e farlo con energia. Anche nella sofferenza.

    OrfeoConscio, invece di fare questo, indirizza tutta la forza di OrfeoEnergia per cercare di entrare nel mondo oscuro dell’OrfeoInconscio alla ricerca di ciò che ha perso per recuperarlo fittiziamente ed annullare la realtà di ciò che è avvenuto. In altre parole una fuga. Ma le fughe anche se inconsce prima o poi mostrano la loro inconsistenza. Ad un semplice sguardo reale.
    Orfeo non riesce ad uscire da questo vicolo cieco, ma il suo mito serve a ricordarci di non usare male la nostra energia.

    Vediamo la N sotto la O di SINCRONICITA’

    17 orizzontale : L’ Orfeo di Camus
    …Siii ora ricordo è anche nel cruciverba di AleConscio : è “Orfeo Negro”

    Orfeo Negro è la leggenda riportata in un musicale Brasile moderno.
    Orfeo Negro fa però lo stesso sbaglio dell’antico Orfeo.
    Bellissima la scena finale in cui dei ragazzi, rifacendosi alla magia della musica impersonata dal protagonista, fanno nascere il sole. Ed è questo il giusto modo di usare l’energia. Ogni giorno.

    Vediamo la T di SINCRONICITA’
    21 orizzontale “ Cosa scegliere fra testa o croce?”
    Ah è chiaro, il post di Alessandro “due facce ed una scelta” lo ha magnificamente espresso
    TESTA

    Non è sincronicamente incredibile ?

    Ringrazio ancora una volta Alessandro di questi spunti così energeticamente carichi

    Massimo

    Mi piace

  7. Anonimo

    …touchée…sono davvero una grandissima ignorantissima superficialissima sorella ma Silenergia risponde: ” che bello!!! man mano che scendo a leggere i post sotto sento di entrare nel vortice…alla firma di Massimo, sto danzando nell'Uno, con te, con lui, con il gottash e Anna….Grazie Aleinconscio. Grazie!”

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: