18mq

BASTA, IO NON SONO COSI’!!!

Basta, io non sono così. Basta piangersi a dosso, basta fare la vittima. Io non sono così. Ok, mi sono leccato abbastanza le ferite nascosto in un angolo. Ora sono quasi arrivato e anche se non vedo la cima so che c’è e so che è vicina e che io ci arriverò. So che starò ancora male, che le mie budella si contorceranno, che la nausea e il vomito saranno miei compagni per i prossimi mesi ma io arriverò in cima. Non c’è alternativa. So che siete tutti con me, che ho sempre le vostre energie su cui fare affidamento, il vostro affetto, la vostra stima. In cima ad aspettarmi c’è la cosa più importante della mia vita: la mia famiglia e tutti voi. Adesso è dura ma più la prova è dura più la soddisfazione è grande nel superarla. Basta guardare la pietraia sotto i miei piedi, il mio istinto mi farà camminare passo dopo passo senza inciampare. Io devo alzare la testa e guardare l’orizzonte e visualizzare la cima e allora la pietraia passerà e cosi anche la collina e qualsiasi cosa ci sarà dopo e io sarò in finalmente in cima.

9 commenti su “BASTA, IO NON SONO COSI’!!!

  1. Ciao Ale,
    e' da un po' di giorni che non ti scrivo anche se sono sempre aggiornata!
    Come stai lo capisco da ciò che scrivi e questa sera anche se tardissimo e stanchissima,ho deciso di scriverti!
    Mi e' piaciuto leggerti così,positivo e tenace!
    Bravo,questa sicuramente e' la strada migliore per giungere sano e salvo alla vetta,godersi così tutto lo spettacolo meraviglioso che e' la vita!
    Per me,questo post e' verde,un bel verde pieno di luce!
    Ti voglio sempre bene!
    Lucia

    Mi piace

  2. Nessuno di noi ha dubbi su questo.!!. Quei pochi che hai fatteli passare.!!. Baci. Claudia.

    Mi piace

  3. Un metro alla volta, un passo alla volta, a volte anche un centimetro alla volta …. Gli occhi sul terreno avanti a sé, studiando il passo e l’andatura, sicuri del proprio equipaggiamento pronto ad ogni evenienza. L’importante non è essere perfetti nella forma, l’importante è essere preparati, e costanti nella marcia in modo tale da non perdere la meta. Padrone dei propri passi, imperfetti se vuoi, ma rigorosi nella direzione. Ricordati lo stambecco.
    Si sente il battito del cuore e la scansione del respiro nell’atmosfera assolata. Nel contempo ci sostengono vigorosamente le pulsazioni dei nostri affetti , delle amicizie.
    Si cade e si riparte, con fatica. C’è tempesta, un po’ di paura ma si riparte. E c’è anche il dubbio ma si riparte. La padronanza che ti dà la ripartenza è impagabile.

    Un pallone alla volta.
    Agonisticamente parlando siamo in una fase di difesa e ripartenze, un momento di “vita da mediano” come dice la canzone, “ a recuperar palloni”, organizzati tatticamente a rompere il gioco dell’avversario, a dar respiro alla difesa e a reimpostare la manovra.
    In questo senso mi piace il tuo atteggiamento nei post “Rischio tecnologia” e “Prova di cambiamento”, una sorta di Judo psicologico in cui riesci a distaccarti dal problema non prioritario ritorcendogli contro la sua stessa forza, e fregandogli la palla.

    Montagna
    Si sale si sale e piano piano prevale nel cuore e nella mente un senso di comunanza con la montagna, la natura, gli animali, i compagni di viaggio. Una silenziosa eccitazione pervade l’aria e gli animi definendosi sempre più in un quadro di armonia di senso e significato in cui ritroviamo idee e parole pregnanti che diventano esse stesse le pietre i massi dove poggiare sicuri il piede per avanzare.
    Ogni tanto uno sguardo più in là, giusto quando ti disseti in pausa e fai due parole con gli amici a raccontarsi esperienze, sai che la cima c’è , per il momento non si vede ma c’è. Lo sai che c’è, illuminata dal sole interiore della tua famiglia.

    Un abbraccio
    Massimo

    Mi piace

  4. …tu sei ANCHE così e siine fiero!!
    Quale Uomo – che valga la “U” maiuscola – non si siede ogni tanto sui talloni e piange? Quale Essere Umano avrebbe saputo affrontare la Prova delle Prove (quella senza rete, quella al 50%, quella di cui non si vede mai la fine) come hai fatto tu? Per ogni istante di sole, ce n'è uno d'ombra che ne rende ancora più brillante e tiepido il calore. Per ogni lacrima che cade, c'è un sorriso da qualche parte che sta per sbocciare. Ogni inverno ha la sua primavera. Ogni notte, la sua alba.
    Ieri sera tardi ero seduta sotto il portico che pensavo. Avevo pensieri pesanti ed anche un po' scoraggiati, in linea con il buio e l'immobilità tutt'intorno. Inaspettatamente – vista la giornata di pioggia – in cielo è apparsa una luna tonda, piena, massiccia. Era così fissa e brillante che non si riusciva neppure a riconoscere il famoso coniglio cinese. Non si scorgevano mari o cime, eppure era inequivocabilmente una delle lune migliori che abbia mai visto. La sua luce ha cominciato ad infondermi una fiducia completamente nuova, una speranza diversa ed ho capito che…per poter vedere la cima devi diventare cima tu stesso! Come per poter scoccare una freccia e colpire il bersaglio, devi imparare a diventare arco e freccia e bersaglio. La tua memoria sa come fare, devi solo lasciarle il tempo di ricordare. Nel frattempo (come ti hanno scritto i tuoi amici) siediti e aspetta. In silenzio.
    Ti voglio bene, Silvia

    Mi piace

  5. Ora sì che ti riconosco!!!

    Alberto

    Mi piace

  6. Mi associo ad Alberto … adesso sì!!!!
    Miriam

    Mi piace

  7. Questo è parlare e pensare positivo!!!
    Vai così che sei sulla buona strada.
    Ti aspetto in vetta a braccia aperte.
    Baci
    Franco G

    Mi piace

  8. Grandissssssssimo Ale, continua così…
    ogni giorno siamo con te!!! le terme ti aspettano a braccia aperte e con un grande cuore. Siamo tutti pronti a festeggiare con te e la tua famiglia la grande VITTORIA.
    e poi….preparati alla mia lista di richieste..!!!!!
    Un abbraccio fortisssssssimo
    Simonetta

    Mi piace

  9. ultimamente lo pensavo …era un po di giorni che volevo dirtelo … stavi mollando .. mi facevi incazzare .. stavi cedendo e cadendo..

    non lo avevo capito solo io..main tanti..

    eri anche irritante a volte …

    ora col cuore ti urlo ..e scusa la volgarita' .. fuori i coglioni alessandro !!

    era ora che lo facessi …finalmente !!
    e questo post tuo mi ha liberato quello che da giorni volevo gridarti .. ma lo pensavo solamente …

    finalmente ci sei arrivato da te solo
    grazie ..

    dai ora …continua .. e non fartelo piu ridire ..
    per favore

    regrds from STUTTCART ..un immenso abbraccio

    il tuo coach

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: