18mq

IN QUESTA STANZA

E’ difficile, credo sia impossibile. 
Quando 15 giorni fa sono entrato in ospedale, mi ero ripromesso di ricominciare a scrivervi di questa nuova esperienza da internato. Mi ero però dato delle regole per sopravvivere e la principale è quella di essere sempre ottimista e di non guardare il bene e mai il male. Mi ero riproposto di concentrare tutte le mie energie sul pensiero di uscire di qui il prima possibile. Voglio che tutto il mio essere sia concentrato su vibrazioni positive. Sia concentrato sulla gioia di tornare a casa dalla mia famiglia il prima possibile e di tornare sano.
I primi giorni più o meno sono riuscito a reggere. Mi ero creato sia dei momenti di meditazione sia di attività fisica legata alla respirazione. Questi mi permettevano di evadere da qui dentro. La prima settimana sono stato molto fiero di me, quasi tutti i giorni sono riuscito a fare tutto quello che voleva e alcune volte anche di più. Ho scritto poco perchè mi sembrava quasi banale raccontarvi che ero qui e che le giornate passavano normali. Che era tutto sotto controllo.
Poi con i globuli bianchi sono iniziate a scendere anche le energie e certe cose sono diventate sempre più difficile. 
Adesso è diventato difficilissimo scrivere di questa esperienza in modo, non dico positivo, almeno neutro. Adesso non posso scrivervi, ignorando il malessere che provo.
Ho iniziato ha scrivere quelle storielle proprio per evadere con la testa da qui dentro e ritrovare nel mio Cuore, nella mia Testa e nella mia Pancia l’energie per scrivere di cose positive. E credo anche di esservi riuscito.
Però oggi ho deciso che devo portare qui dentro le energie giuste per poter uscire di qui il prima possibile. Devo quindi raccontare in modo giusto quello che mi succede dentro qui. 
Gli ultimi tre giorni, soprattutto domenica, sono stati difficilissimi. Come vi ho scritto l’altro giorno, con i globuli bianchi così bassi qualsiasi battere o virus in circolazione del mio corpo organizza una festa e la febbre mi sale a temperature altissime. Non sappiamo ancora a quanto potrebbero arrivare visto che sono perennemente sotto effetto della tachipirina, che mi infondono via vena. Ho già provato 2 antibiotici a largo spettro ma nessuno dei due sembra aver avuto effetto e quindi oggi ho iniziato con il terzo. Però questa volta in somministrazione continua nelle 24 ore.
Per adesso è cronaca, ma sinceramente mi viene difficilissimo inserirci un pò di gioia. Potrei metterci un sacco di ironia, un sacco di battutine ecc. ecc. Ma non sarebbe gioia sarebbe l’opposto. Un sarcasmo creato dal malessere di fondo. 
La via più ovvia è quella del pensiero che tutto è fatto per guarirmi e per farmi uscire di cui. Perchè sto male per le terapie che mi fanno. 
Ma vi dico che domenica sera quando ero seduto sul letto in preda a dei tremori che mi percorrevano tutto il corpo, quando non riuscivo nemmeno a formulare l’idea di alzarmi per schiacciare il bottone per chiamare le infermiere. Quando sentivo dentro un freddo che mi ghiacciava Cuore, Testa e Pancia. Non riuscivo a pensare, e tutto era pura sofferenza e disperazione.
L’appiglio è: “ma poi passa, ma poi passa”. Ma qui quello che non passa è proprio il tempo e quell’ora di domenica sera seduto sul letto mi è sembrata una vita.
Poi gli angeli mi hanno dato la forza e ho chiamato le infermiere per farmi dare qualche cosa. Avevo 38 di febbre, non così alta da giustificare gli spasmi. La causa doveva essere la ciclosporina. 
Mi hanno dato delle gocce e finalmente dopo venti minuti ho iniziato a stare un pò meglio, erano finiti i brividi. Dentro pensavo: “vedi che poi passa…” ma dopo 10 minuti ho ricominciato a sentire i brividi sempre più forte. 
Perchè mi stavano tornando i brividi? E perchè poi non passa? 
E’ arrivata un’infermiera per vedere se stavo migliorando e vedendo la situazione mi ha provato nuovamente la febbre che era arrivata oltre i 39. Dose extra di cortisone e dopo un paio d’ore, avevo ritrovato finalmente un pò di tranquillità.
Non ci riesco proprio a metterci un pò di gioia nella cronaca di quello che succede in questa stanza.

12 commenti su “IN QUESTA STANZA

  1. Ciao Ale,
    se guardi dalla finestra vedi fratello Sole, ti sta inviando tutta l'energia positiva e la gioia di cui hai bisogno.
    Una mano ti accarrezza il viso, ti scalda per ricordarti che non sei solo, che c'è qualcuno che ti ama, che condivide tutto con te.
    Un abbraccio.
    Paolo

    Mi piace

  2. Ale,
    esattamente 10 anni fa il mio amato nonno è mancato da questa terra per andare in Paradiso. Gli chiederò di mandarti tanta energia positiva per aiutarti a superare questo momento difficile.
    Un abbraccio
    Pietro

    Mi piace

  3. Buon giorno gp, come vorrei essere capace di assorbire i tuoi dolori per darti un po di tregua, se solo gli angeli ascoltassero….mi viene in mente però, che mentre scrivi potresti focalizare di star butando fuore con rabbia tutto quello che ti assila, come se ti stessi togliendo questa spazzatura di dosso e la scritura fossi il tuo veiculo. Il mio pensiero e per te gp, sempre

    Mi piace

  4. Positive energy and thoughts filled with courage, Alex. You are in my prayers.
    amy

    Mi piace

  5. Quando comincerai a stare meglio anche i pensieri positivi ritorneranno, potresti farteli tornare pure subito però se ripensi al medico che ti disse che lo stare male sarebbe stato un segno positivo. Lo so, qualcun altro non ti ha detto la stessa cosa, ma ora aggrappati a quella “Sto male per stare poi definitivamente bene”; è questo che conta, anche se è facile dirlo seduta su un divano!
    Dai Ale, non ti abbattere adesso! Di strada ne hai fatta tanta ed è stata molto più dura di adesso, prova a ricordarlo e forse l'oggi ti sembrerà meno difficile.
    Noi siamo sempre qui con tutto il nostro affetto a bombardarti di positività, e che cavolo! Prima o poi faremo centro!!

    Mi piace

  6. Ale non abbatterti. Io tifo per te con tutto il cuore e non passa giorno in cui non ti pensi e speri che tu possa rimetterti prestissimo. Sono tra le tue migliori tifose! Sono sugli spalti e siamo in tanti, sento il tifo che sale, l'entusiasmo ti incoraggia…”forza ale” siamo qui in tanti e siamo tutti insieme per te! Forza ale! Tra poco inizierà la tua risalita, lo so' Ke sara' cosi' ne ho la certezza. Un abbraccione. Francy calvi

    Mi piace

  7. Gli angeli sono sempre con te come sono con te tante ma tante preghiere …forza ALE energia energia energia.Daniele

    Mi piace

  8. Dai Ale non mollare! Se non hai voglia di gioire, ti diamo noi una mano! Lo so che non è paragonabile ma io quando sono ko penso alle fragole con la panna, al caldo sole che mi scalda, alla sabbia della spiaggia quella fine fine che non ti rimane attaccata alla pelle, all'arcobaleno…. cose semplici ma reali e buone che ti fanno scivolare via i pensieri peggiori….. prova, ti aiuterà. Notte comunque e sempre buona.
    Sarah

    Mi piace

  9. Coraggio Ale non lasciare vincere questo male bastardo, incazzati fagli vedere chi sei. Lui non può vincere, lui non puó fare quello che gli pare, annientalo, ribellati. Tu sei padrone di te stesso. Con tutto l affetto e l energia che ti serve,
    Vick

    Mi piace

  10. Buona notte gp, ossia buon giorno. Il mio ultimo pensiero dell giorno e per te, che questa sia una giornata migliore, a piu tarde xxx

    Mi piace

  11. La stanza ricomincia a starti stretta, il momento è difficile ma tu ricordati che sei un nuotatore ( ricordi il manifesto del nuotatore ?)
    Ne abbiamo parlato mesi fa. Concentrati sul momento, sulla bracciata presente: se ti senti di fantasticare vai sulla fantasia, se ti senti di parlare del tuo disagio parla dei dettagli del tuo male, se ti senti di mandare tutti a quel paese fallo ma non perdere la tua linea di nuotata.
    Prendi l’acqua e buttala indietro. Momento dopo momento.
    Ti invio via email una bellissima immagine che mi è piaciuta subito. Richiamarla può magari aiutare nuotatori come noi nei momenti difficili.

    Un abbraccio
    Massimo

    Mi piace

  12. Non è sempre possibile essere positivi. Sei fin troppo bravo. Continua a scrivere le tue storie, i tuoi racconti, esci da quella stanze e vai dove ti porta l'immaginazione. Noi ti seguiamo con il fiato sospeso. E quando torni nella stanza, magari andrà un pò meglio. Un abbraccio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: