18mq

Prova scientifica…

Giornata incredibile, nel senso che ieri non averi mai creduto di poter fare tutto quello che ho fatto oggi. Sicuro ho esagerato ma è come l’affamato che si ingozza. Avevo voglio di fare, di vivere. Ho esagerato soprattutto dal punto di vista fisico. Ho camminato tanto, fatto scale, ballato e spostato pesi. Sono anche andato in discarica a portare una vecchia asse da stiro rotta. Proprio oggi, si proprio oggi.
Verso le 13 in ufficio, avevo già capito di aver esagerato, non connettevo più. Non mi sono comunque accontentato e al posto di andare di filata a casa, ho proposto a Yara di mangiare una piadina al centro commerciale. Scusate ma devo soddisfare in qualche modo la bramosia dei 25mg die di cortisone. Tornati a casa, ero cotto, mentalmente e fisicamente. Mi sono messo sulla poltrona ma con l’intenzione di scrivere un post… mi sono addormentato. Non più di 20 minuti perché alle 15.30 è arrivata l’infermiera per la flebo. Alzarmi dalla poltrona è stato difficilissimo. Poi sono arrivati i bambini e con Xander abbiamo montato Piazza San Marco in miniatura di lego. Per un paio di volte mi si è anche in criccata la mano destra. Perdo il controllo delle dita che si tirano, una specie di mini crampo alla mano.
Più passava il tempo, più aumentava la mia stanchezza e più diventavo insofferente.
Avete presente, ogni rumore, ogni cosa in movimento ti da in testa.
Mi sono bruciato le ultime energie nel Dance Time, ma dovevo condividere con voi il primo giorno a casa. Trasmissione sconclusionata, annebbia, senza filo e con tanti momenti di smarrimento.
Finito mi sono buttato sulla poltrona per riposare, ma i bambini hanno deciso di farmi compagni guardando la televisione, lì. Ok, limite raggiunto.
A cena Xander ha iniziato con una versione moderna della cantilena “chi va via, perde il posto all’osteria”, “il padrone è tornato, il posto va ridato”. L’avrà ripetuta 50 volte, o forse 5 ma per la mia testa 50, in ripetizione, nelle mie orecchie e urlando. Kiki gli andava dietro e Yara cercava di farli smettere. Ok, limite superato.
Contestualizzate tutto, aggiungendo un forte bruciore agli occhi da non riuscire a tenerli aperti.
Confusione chiama confusione e più chiedevamo ai bambini di calmarsi, più loro si agitavano.
Detto tutto questo? Sono riuscito a gestire tutti i momenti di scatto che arrivavano da dentro, senza esplodere. Sono stati tantissimi, quei momenti in cui vorresti urlare fino a staccarti le tonsille e mettere le mani al collo della persone più vicina.
Come ho fatto? Ho riflettuto prima di agire. La causa del mio malumore ero io, questa mattina ho esagerato. Non era l’ambiente esterno il problema, ero io. Grande motivazione è stata dimostrarmi che quello che dico e scrivo è vero. Siamo noi a guidare la nostra vita, a decidere cosa guardare della nostra vita. E così ho fatto.
Non ho visto i bambini che non mi lasciavano riposare, ho visto i bambini che volevano starmi vicino, dopo tanti giorni di lontananza. Ho visto il loro amore.
Non ho visto Xander che non voleva ubbidirci e stare calmo. Ho visto un bambino che aveva trovato qualche cosa di divertente e non voleva lasciarlo andare. Ho visto la sua felicità, ho visto il suo ridere.
Non è stato facile, mi sono dovuto impegnare. Mi sono dovuto controllare, mi sono dovuto imporre di non arrabbiarmi, di non urlare, di stare calmo. Oggi ha funzionato e ne sono felicissimo.
Il post sarebbe finito qui ma oggi è il mio giorno fortunato…
Abbiamo appena alzato l’asticella. Sono le 22.30, sono stanco oltre ogni limite ma devo aspettare il dottore per la flebo di antibiotico delle 24. Non voglio addormentarmi perché potrei uccidere il medico al risveglio e…
Yara ha appena iniziato a mangiarmi le patatine nelle orecchie.
Concentrati Alessandro, concentrati. Guarda il lato positivo della cosa, sicuro non ti addormenti… non basta. Ok, devo andare sul pesante, sull’azione base: sorrido, accetto e penso “sono vivo!”
Funziona!!!!
Ho finalmente la prova scientifica, ineluttabile che la teoria funziona. Yara ha finito la confezione, io sono felice e siamo vivi tutti e due.

7 commenti su “Prova scientifica…

  1. Belli! …mi sembra un racconto di casa mia! Come ti capisco, e ti ammiro, io dopo un po'sbarello!! E' bello continuare a seguirti…un abbraccio, notte, Chiara

    Mi piace

  2. Lezione utile di vita per chiunque

    Mi piace

  3. Ciao Alessandro,
    ho saputo di 18mq,…leggendo il bell'articolo sulla Guida.
    Volevo complimentarmi per il tuo guardare dentro e come dice Dante nel Paradiso aver riconosciuto l'identità del proprio essere con Dio e con l'Universo.
    Buona convalescenza e buon risveglio!
    Un abbraccio a te a Yara e Alexander a Kiki da tutti noi. Evelina Cavallera Bussone

    Mi piace

  4. Grazie per le belle parole e soprattutto per il supporto. Sapere se mi seguite è lo stimolo per andare avanti!

    Mi piace

  5. Uff, finalmente ho trovato i 18mq che stavo cercando, nascosti in questo smisurato worldwideweb.condominio…!

    Sono felice che appena entrato nel blog ho scoperto che i 18mq ora sono cresciuti a +400 circa, che l'atmosfera sterile ha lasciato il passo fragranze e insetti di spinettiana memoria, che il tuo compagno di stanza è diventato improvvisamente biondo (bionda!) e molto sexy…. sono felice di tutto… davvero… ma ti prego… STAI ALLA LARGA DALL'UFFICIO PER UNA VOLTA NELLA VITAAAAA!

    tommy (non sono come ci si registra)

    Mi piace

  6. Grande Tommy!!! Ok per l'appuntamento mercoledì pomeriggio in ufficio da me… ;O)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: