18mq Economia Umana Il Mio Manuale di Vita

Non cambieremo il mondo cambiando le persone.

Credo che uno dei problemi del non riuscite ad accellerare il cambiamento verso un Mondo Migliore sia l’utilizzo scorretto della parola cambiare, cambiamento.

Sempre più persone prendono coscienza che l’attuale situazione sociale e ambientale non funziona più, non è più sostenibile, che questa situazione ci sta portando verso il baratro del non ritorno e non possiamo più aspettare. Dobbiamo agire per un Mondo Migliore. Molti, troppi però dicono “dobbiamo cambaire, dovete cambiare”.

Sapete che gli unici tre strumenti che abbiamo per far succedere le cose sono: pensare, comunicare e muovere la mani e i piedi. Nessuna bacchetta
magica o superpotere. L’utilizzo delle parole corrette nel pensare e nel comunicare è fondamentali. Quasi sempre sottovalutiamo questa cosa, sia quando parliamo a noi stessi, cioè pensiamo, sia quando parliamo agli altri.

Non credo si possa chiedere, indurre, ancora meno costringere una persona a cambiare. Quello che possiamo fare, che dobbiamo fare è far evolvere, far crescere la persona per ottenere un cambiamento nel suo comportamento. Dire a una persona “devi cambiare”, “bisogna cambiare”, significa dirgli che è una persona sbagliata, che deve rinnegare tutto il suo essere, tutta la sua vita, la sua storia. Gli togliamo l’identità positiva. Con il risultato più probabile, se è una persona di valore, di un blocco totale. Si chiama spirito di sopravvivenza. Invece, aiutando e accompagnando la persona verso un’evoluzione, verso una crescita, valorizzando i suoi lati positive, in una persona di valore ci sono sempre, in modo che compensino quelli negativi, otterremo il cambiamento dei suoi comportamenti. Aumenteremo la sua identità positiva.

Questo vale ancora di più con noi stessi, perchè a dirci che dobbiamo cambiare è la persona con la maggiore influenza su di noi, noi. Quello che dobbiamo fare è accettare quello che abbiamo fatto nel passato e prendere consapevolezza che crescendo, evolvendo, agiremo in modo migliore. Concretamente, cambiando il nostro modo di agire senza aver cambiato noi stessi. Pesonalmente l’idea di poter crescere, di potermi evolvere, cioè di migliorarmi è l’energia più potente per farlo. Questo atteggiamento aumenta e potenzia la mia identità positiva. Tutti abbiamo bisogno di una identità in cui riconoscerci.

Se voglio cambiare è perchè credo di fare qualche cosa di sbagliato, quindi mi concentro nel migliorare le cose che faccio male, sulle mie negatività, sui miei difetti. Se ci riesco, il risulato sarà di essere diventato una persona nella media, standard. Se non ci riesco avrò perso tempo e sprecato prezione energie del fare.

Se voglio crescere è perchè voglio fare meglio quello che so già fare bene, quindi mi concentro sulle cose che so fare meglio, sui miei talenti, Se ci riesco, il risultato sarà di aver sviluppato ancora di più il mio talento e quindi il mio valore differenziate rispetto agli altri. Se non ci riesco avrò comunque investo tempo nella cosa che mi piace fare.

Immaginate le energie del primo caso e invece quelle del secondo. Nel primo caso la motivazione è “devo cambiare perchè sono sbagliato”, nel secondo “devo crescere perchè ho un talento”. La prima motivazione mi darà energie negative, della costrizione, del sacrificio. La seconda motivazione mi darà energie positive, della realizzazione, del fare quello che ci piace, del fare bene.

#capirepercrescere #crescereevolvere #ètuttaunaquestionedimotivazioni #accettiamoilpassatoecresciamo #lapotenzadelleparole

ps: una delle prima cose che ho imparato nell’educare i miei figli è di non dirgli che sono stupidi ma di dirgli che fanno cose stupide. In questo modo oggettivizzo l’azione spostando l’attenzione sul comportamento stupido. Se voglio un figlio inteligene e sveglio, non posso oviamente dirgli che è stupido perchè se ci crede allora penserà per tutta la vita che è stupodi, se non ci crede penserà che lo stupido sono io e non mi ascolterà più.

Per lo stesso ragionamento se voglio che una persona cambi il suo comportamente perchè sbagliato, devo dirgli che il suo comportametne deve essere cambiato. Non posso dirgli che deve cambiare lui, perché così gli sto dicendo che è lui a essere sbagliato. Come per i miei figli, se crede di essere sbagliato probabilmente continuerà a comportasi da persona sbagliata, forse ancora di più perchè gli ho rafforzato l’idea di essere sbagliato, se non ci crede penserà che la persona sbagliata sono io e non mi darà più credibilità, e se farà quello che dico io lo farà per un suo interesse personale e non più di gruppo. Se è un mio dipendente, lo farà per i soldi di fine mese e non per il raggiungimento dell’obiettivo comune dell’azienda.

0 commenti su “Non cambieremo il mondo cambiando le persone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: