18mq

Un altro viaggio

Un’altra valigia, un altro viaggio. Sette canottiere, sette paio di calze, sette boxer, sette magliette, due felpe, due paio di pantaloni comodi. Due pigiami e un paio di ciabatte. Più cavi, tecnologia e libri.

La destinazione è vicina, il viaggio sarà lungo. Tre o quattro settimane.

È un viaggio che conosco, l’ho già fatto. Sarà su, giù, su, giù ma finirà su! Finirà su! Non ci sono alternative. Andrà tutto bene!

Non sarò solo, con me tantissime persone speciali. Alcune vicine fisicamente, che mi accompagneranno passo per passo, giorno per giorno. Altre, tutte, vicine col cuore.

Non ho voglia di partire, ma devo, ma ho una voglia pazzesca di tornare.

Ho paura, una paura diversa dalle altre volte. Non so ancora definirla. La sento nel profondo, è nascosta dalle mille parole con cui l’ho seppellita in questi 10 anni.

Si sono passati 10 anni dal primo viaggio. 10 anni. Visti da la sono tantissimi, visti da qui sono pochissimi. Tanto è cambiato.

Non è il momento per pensare troppo. Questo viaggio parte senza domande, che tanto le conosco tutte.

Questa volta sulla porta ad accogliermi ci sono le cinque regole dei feliciani 😉!

Grazie Vita! Ti Amo Vita!

5 commenti su “Un altro viaggio

  1. Caro Alessandro,

    Ti mando tutta la mia energia positiva, sperando che tu ritorni guarito presto! Sei un esempio per tanti giovani del mondo, incluso me, che combattere con il sorriso nei momenti più difficili della vita sia una regola, un dovere da dover seguire!
    Un abbraccio dalla Germania
    Ivano

    Piace a 1 persona

  2. Claudio Chierichetti

    Ti penso, ti mando energia, ti aspetto Su!

    Piace a 1 persona

  3. Cristiano Rigon

    GO ALE GO!!!
    Ho avuto la fortuna di conoscerti, era per lavoro, ora ti seguo per vita.

    A presto amico fai buon viaggio e torna carico!
    Cristiano

    Piace a 1 persona

  4. Miranda Ciravegna

    Ci lavoro, con quel reparto, ma le volte (poche, per mia fortuna) in cui varcano quelle porte delle persone amiche ho un attimo di sbandamento. Poi so che il mio compito, da fuori, è esserci e fare, anche solo portando un sorriso, provando a sciogliere anche solo un nodino di quella paura. Per dividere i momenti difficili, come fanno i Feliciani.

    Piace a 1 persona

  5. Riccardo Testa

    Ciao Alessandro,

    un forte abbraccio e grande energia!

    Riccardo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: